I carciofi che mangiamo sono il capolino del fiore di una pianta perenne erbacea (la Cynara cardunculus subsp. scolymus), che raggiunge anche un metro e mezzo di altezza, tipica dell’area mediterranea. In Italia la coltivazione dei carciofi ha buon successo, soprattutto nelle regioni con il clima più mite, il nostro paese è maggior produttore al mondo di carciofi. In linea di massima marzo è il mese migliore per il trapianto dei carciofi (si fa in genere da metà febbraio a metà aprile). Si tratta di una pianta non facilissima da coltivare, soprattutto nei territori non vocati. Ha bisogno di una buona concimazione o di un suolo fertile e di molta acqua e nessun ristagno. 

Quando si piantano i carciofi

Trattandosi di una pianta perenne, la carciofaia può rimanere al suo posto per diversi anni. Tuttavia abbiamo bisogno di intervenire per rimuovere i nuovi germogli che si sviluppano accanto alla pianta madre e, se vogliamo, per trapiantarli altrove e permettere loro di crescere e di produrre a loro volta grandi boccioli da mangiare. Questi germogli, che si chiamano “carducci”, si sviluppano sia in autunno che in primavera. Il loro trapianto si fa da metà febbraio a metà aprile e in settembre e ottobre. Ci sono altri due modi per dare avvio a nuove carciofaie: attraverso i semi e trasferendo i rizomi. La semina si effettua a fine inverno o inizio primavera e porta al trasferimento in campo delle piantine tra aprile e maggio. Le parti dei rizomi, dette ovoli, si trapiantano in estate (tra luglio e agosto), quando la pianta è a riposo vegetazionale.

Coltivazione di cardi e carciofi al Bosco di Ogigia

Coltivazione di cardi e carciofi al Bosco di Ogigia

Come si effettua il trapianto dei carducci

La rimozione dei germogli di carciofo si chiama “scarducciatura”. Le piantine vanno rimosse insieme alla parte del rizoma che le sostiene. Per poter trapiantare è necessario portarsi dietro con il rizoma alcune radici. Per farlo si utilizza una vanga con la quale si effettua un taglio netto che danneggi il meno possibile la pianta madre. Prima di interrare la piantina estratta si riduce il volume delle sue foglie, che le poche radici non riuscirebbero ancora a sostenere. Dopo il taglio fatto a 40, 50 centimetri dalle radici, ci restano le coste più robuste esterne e il germoglio centrale. Le foglie esterne rovinate si rimuovono completamente. 

Il trapianto va effettuato il prima possibile, in quanto il carduccio fuori dalla terra soffre e più tempo passa meno possibilità ci sono che attecchisca. Tra una piantina e l’altra bisogna lasciare almeno un metro di distanza, viste le dimensioni che raggiunge la pianta adulta. Nel trapianto copriamo bene le radici, soprattutto se lo effettuiamo in autunno e la pianta deve superare l’inverno. Facciamo attenzione anche a richiudere i buchi nel suolo aperti ai piedi della pianta madre. 

Le costole dei polloni di carciofo, che non avremo trapiantato, sono un ottimo ingrediente di base per molte ricette in cucina. Si possono mangiare in umido, fritti o al forno.

radici del carciofo

radici del carciofo, carducci appena scarducciati

Come si coltivano i carciofi

I carciofi hanno una radice fittonante e hanno bisogno di scendere in profondità nel suolo. Il terreno deve essere facilmente penetrabile, profondo, di medio impasto. Salvo eccezioni, per avere grandi piante e quindi grandi fiori, occorre aggiungere del compost o del letame maturo al suolo di coltivazione. I carciofi soffrono per i ristagni d’acqua, ma questa non deve mancare, soprattutto in primavera. La fioritura e quindi la produzione della parte edule avviene, a seconda della varietà, in due periodi dell’anno, in primavera e in autunno. In alcuni casi la stessa pianta produce carciofi in entrambe le stagioni.

La raccolta dei carciofi

Oltre al capolino possiamo mangiare la parte centrale, più tenera, del suo stelo. Perciò il carciofo si taglia in basso, lasciando diversi centimetri di stelo. Per conservarli qualche giorno possiamo mettere in acqua gli steli, come si fa con altri fiori. La pianta produce un carciofo al centro, detto cimarolo e altri dalle ascelle delle foglie laterali. Si avrà pertanto una raccolta a scalare dal centro, con il carciofo più grande, verso l’esterno con capolini sempre più piccoli. La terza scelta sarà di carciofi piccoli (i carciofini), ma teneri e gustosi, ricercati per la produzione di sottoli. 

carduccio carciofo

carduccio di carciofo, appena trapiantato

Le avversità dei carciofi

I carciofi non piacciono solo a noi. Diversi sono i loro predatori e anche le malattie a cui sono soggetti. Partiamo dai topolini che possono presentarsi sotto terra per mangiarne le radici. Altri estimatori sono le larve delle nottue (varie farfalle notturne) e le minatrici del carciofo (piccole mosche che scavano nelle foglie). Numerose le malattie fungine a cui sono soggetti: la peronospora, la muffa grigia, il marciume del colletto. Sono colpiti anche da virosi, le più difficili da contrastare. Per evitarne la diffusione bisogna rimuove le piante infette. Come per le potature degli alberi dobbiamo fare attenzione agli attrezzi da taglio che usiamo. Dovremmo disinfettarli spesso per evitare di trasmettere malattie da una pianta all’altra.

operazione di trapianto di carciofi

operazione di trapianto di carciofi nell’orto

Varietà di carciofi

Esistono molte varietà diverse di carciofi e conoscere quale stiamo per trapiantare nel nostro orto è importante, sia per la coltivazione che per il consumo. Le ricette che si possono realizzare con i carciofi dipendono dalla varietà. Famoso, per esempio, il carciofo romanesco, che si presta per due ricette famose: i carciofi alla giudia e i carciofi alla romana. A caratterizzare le varietà ci sono anche le spine, delle quali tenere conto. Alcune sono abbastanza pericolose, sia sul campo (le spine sono presenti anche sulle foglie) che sulla tavola. Ecco alcune delle varietà più famose: 

  • Carciofo spinoso di Sardegna Dop
  • Carciofo romanesco del Lazio Igp
  • Carciofo di Paestum Igp
  • Carciofo brindisino Igp
  • Carciofo violetto di Castellammare
  • Carciofo spinoso di Menfi
  • Carciofo violetto di San Luca
  • Carciofo violetto di Toscana

Francesca Della Giovampaola

Trapianto dei carciofi nell’orto (video)

Per coltivare carciofi abbiamo tre metodi: una riproduzione da seme, quella da rizoma e dal pollone (carducci). Si fa prima la scarducciatura e poi il trapianto. Vi faccio vedere nel video i trapianti di carciofi nel mio orto

YouTube player

 

Leggi anche
Orto a marzo, mese di semine e trapianti
Come fare l’orto, promemoria dei lavori
Come fare il compost
Orto Elementare di Gian Carlo Cappello
Caffè nell’orto. Tutti i modo per utilizzarlo
Grelinette, cos’è e come si usa

Letture consigliate
Come fare… l’orto biologico, di Sara Petrucci ed. Simone

Guida gratuita
Scarica la guida con le ricette per il suolo
Guida gratuita alla rigenerazione del suolo

Gruppo Telegram
Unisciti al gruppo Telegram

Newsletter
Iscriviti per non perderti articoli e video del Bosco di Ogigia