Il progetto di comunicazione del Bosco di Ogigia è nato per far conoscere la permacultura. Dopo cinque anni, di video, articoli e resoconti speriamo di aver contribuito alla sua diffusione. Ma non è facile spiegare questo metodo di progettazione che, imitando la natura, ci aiuta a vivere bene e in modo sostenibile per l’ambiente.

La natura è il modello da seguire nella progettazione

La natura è molto più brava di noi a fare un sacco di cose, forse tutto. E se cominciamo a collaborare con lei, come fanno gli altri esseri viventi che la compongono, invece di fare di tutto per distruggerla e renderla sempre più povera, le cose andranno subito meglio per tutti. Dovremmo smetterla di comportarci da alieni nel nostro pianeta. Osserviamola, studiamola, rendiamoci conto di come è organizzata e entriamo nel suo flusso. La natura non è mai ferma, infiniti processi fisici e biologici si intrecciano in un perenne processo di evoluzione e rinnovamento. Prendiamo ad esempio il mondo vegetale, quello che facciamo più fatica a capire. Un aspetto che lo caratterizza è la cooperazione tra le specie, non la competizione, che invece è la specialità dell’homo sapiens. Se riuscissimo ad imitarla anche in questo potremmo compiere un bel progresso. La natura ha trovato le soluzioni migliori per sopravvivere alle avversità, per riprodursi, per propagarsi, per rigenerarsi e, osservandola, ci insegna persino a sviluppare le nostre tecnologie. In particolare è il bosco a fornirci l’esempio da seguire. Si tratta di un ecosistema che evolve verso una maggiore complessità e stabilità, passando attraverso tanti stadi evolutivi, in cui ogni elemento che muore offre nutrimento e vita ad altri e dove la cooperazione tra le specie è la regola e non l’eccezione.

bosco di ogigia

Bosco di Ogigia dall’alto

Perché nasce la permacultura

La permacultura nasce per aiutare gli uomini a vivere bene, usando le risorse della natura (sarebbe impossibile altrimenti), ma lasciando loro il tempo e il modo di rigenerarsi. La permacultura ha come patria di origine l’Australia e nasce come risposta alla crisi ambientale (ma anche economica e sociale), già evidente negli anni ‘70, quando le devastazioni prodotte da certe pratiche agricole e industriali erano già diffuse e stavano sconvolgendo profondamente gli ecosistemi del pianeta. A darle il nome è stato il naturalista australiano Bill Mollison. “Permaculture” (in italiano “permacultura”) deriva dalla contrazione di “permanent agriculture“, ma anche di “permanent culture“.  Come dice il fondatore della Permacultura «una cultura non può sopravvivere a lungo senza una base agricola sostenibile e un’etica dell’uso della terra». La permacultura si definisce un metodo di progettazione per la creazione di insediamenti umani sostenibili che ha lo scopo di creare sistemi ecologicamente ben strutturati ed economicamente produttivi, in grado di provvedere ai propri fabbisogni, evitando ogni forma di sfruttamento e inquinamento e quindi sostenibili nel lungo periodo. Insomma la permacultura non serve solo a progettare l’orto. E non è l’orto sinergico!

I principi etici delle permacultura

Alla base del metodo di progettazione ci sono tre principi etici:

  1. Prendersi cura della Terra, intesa come pianeta e come suolo.
  2. Prendersi cura delle persone, a partire da noi stessi e includendo tutte le persone coinvolte in qualche modo nel nostro progetto e più in generale l’umanità.
  3. Il terzo principio, che serve per rispettare i due precedenti, ci dice di limitare il nostro consumo alle nostre necessità per condividere in maniera equa e solidale le risorse della terra.

A livello generale non stiamo messi molto bene in quanto al rispetto di queste etiche. Non ci prendiamo tanto cura della Terra visti i livelli di inquinamento, il riscaldamento globale, la perdita di biodiversità e di fertilità. Neppure delle persone se pensiamo alla povertà presente anche nei Paesi valutati come più ricchi e alle numerose ingiustizie sociali. E per quanto riguarda la condivisione delle risorse stiamo andando nella direzione completamente opposta con pochi ricchi sempre più ricchi a scapito di popolazioni sempre più povere.  La permacultura ci suggerisce, per il bene nostro e della collettività, di applicare tecniche produttive che puntino al benessere dell’uomo, di tutti gli uomini, ma non alla massimizzazione del profitto. Lavorando con e non contro al natura. 

Scarica introduzione alla permacultura (pdf)

Perché il suolo è così importante

La nostra esistenza sul pianeta è legata alla fertilità del suolo, quello strato, più o meno spesso di terra, che ricopre gran parte delle terre emerse. In particolare ci interessano i primi 30cm, dove è stato calcolato che viva il 95% della biodiversità della terra. Il suolo ha un ruolo chiave contro il riscaldamento globale, è un organismo vivente, di cui ancora conosciamo pochissimo. Un suolo rigenerato ci dà cibo sano e nutriente (che ci mantiene in salute), acqua purificata e mitiga il cambiamento climatico. Nel suolo, infatti, si stocca tanta CO2. Un suolo fertile è ricco di materia organica e quindi di carbonio. Purtroppo il consumo di suolo, con nuove coperture artificiali, faceva perdere nel 2017 (dati Ispra) 15 ettari al giorno. Una velocità di trasformazione di poco meno di 2 metri quadrati di suolo irreversibilmente persi ogni secondo in Italia. Non credo che le cose siano migliorate molto in questi ultimi anni. Dobbiamo toglierci dalla testa l’idea che la terra vada sempre arata e tenuta “pulita”.  Un suolo scoperto, senza un filo d’erba, è esposto ai fenomeni atmosferici e affamato. Con certe pratiche lo impoveriamo e poi dobbiamo intervenire per fertilizzarlo. Non sto dicendo che la terra non vada lavorata, ma potremmo interagire con il suolo in modo molto diverso, non abbiamo bisogno di distruggere tutto per produrre il nostro cibo.

in posa al Bosco di Ogiga

Le fasi della progettazione in permacultura

Di fronte ad un problema o a un intervento da fare, prima si osserva la situazione, poi la si analizza nel suo complesso e, solo dopo, si inizia a cercare le soluzioni, a progettare. Dopo aver realizzato il nostro progetto prendiamoci il tempo per osservarlo e ascoltare il feedback che ne riceviamo, all’inizio senza prendere decisioni, poi riprogettando per correggere ciò che può essere migliorato. Il processo di progettazione può essere rappresentato con un ciclo di continuo di osservazione, analisi, progettazione, azione. Obiettivo di questo processo è l’ottimizzazione dell’uso delle risorse fino a giungere ad utilizzare solo ciò che può essere prodotto e rigenerato all’interno sistema. Si tratta di un fine ideale, al quale comunque tendere al meglio delle possibilità. Le risorse base come l’acqua, l’energia elettrica, l’humus dovrebbero, al compimento del progetto, essere prodotti dal nostro sistema chiuso o almeno il loro consumo dovrebbe essere ottimizzato.

Gli ambiti di applicazione e la permacultura sociale

I suoi principi di progettazione si possono applicare a tre macroaree. All’agricoltura in tutti i suoi aspetti, all’abitare e alle relazioni umane. Si parla in questo caso di permacultura sociale. Delle buone relazioni sociali sono fondamentali per la riuscita di un progetto in permacultura, che deve tenere conto delle caratteristiche e dei bisogni di tutti gli uomini e le donne coinvolti a qualunque titolo, anche semplicemente come vicini di casa. Insieme all’ecosistema naturale dobbiamo prestare attenzione all’ecosistema umano. La permacultura può aiutarci a progettare diversi ambienti: dagli orti alle aziende agricole, dagli edifici alle infrastrutture urbane, ma anche ambienti sociali, come i luoghi per incontri, i gruppi e le organizzazioni.

Non si dovrebbe arrivare in un territorio per avviare un’azienda agricola semplicemente acquistando o affittando un terreno e poi compiendo le azioni necessarie per raggiungere l’obiettivo prefissato senza esplorare prima il contesto in cui ci muoviamo. La prima attività dovrebbe essere quella dell’esplorazione del territorio e delle sue risorse. Questo è chiaro se parliamo di qualcosa di materiale che ci serve per la produzione. Per esempio: l’acqua è una delle principali risorse la cui disponibilità condiziona anche le scelte che possiamo fare in termini agricoli. Ma Anche le persone, coinvolte in qualsiasi modo, sono risorse, elementi del sistema. E non solo perché ci possono servire i loro servizi o la forza lavoro, ma perché il rispetto delle loro esigenze e caratteristiche è fondamentale per l’essenza di un progetto in permacultura.

Come la permacultura mi ha cambiato la vita (video)

YouTube player

Prenditi la tua responsabilità

Prenditi la tua reasponsabilità è l’unica regola della permacultura. Una regola semplice e molto attuale. Abbiamo bisogno che ciascuno faccia la sua parte, con responsabilità. Qui di seguito il mio intervento durante l’evento TerraTerra, al Parlamento Europeo.

Francesca Della Giovampaola

Il Bosco di Ogigia al Parlamento Europeo (video)

YouTube player


Leggi anche
Cosa è la permacultura
Cinque strategie per un suolo in salute
Come far crescere una food forest
Cinque libri per capire la permacultura
Il manuale di Bill Mollison tradotto in italiano
Orto sinergico, come progettarlo e realizzarlo

Guide gratuite e ricette
Scarica le ricette per arricchire il suolo
Scarica la guida gratuita su come scegliere gli alberi

Ebook
Introduzione alla permacultura. Guida gratuita

Gruppo Telegram
Unisciti al gruppo Telegram

Iscriviti ai corsi
Corso potatura facile
Il suolo è vita
Food Forest

Youtube
Canale Bosco di Ogigia

Iscriviti alla newsletter e ottieni le ricette per il suolo