Permacultura: un sistema di progettazione, tre etiche e dodici principi

Cos’è la permacultura? Bella domanda, proviamo a fare chiarezza. E’ stato il naturalista australiano Bill Mollison a coniare la bella parola “permaculture” (in italiano “permacultura”), che deriva dalla contrazione di “permanent agriculture“, ma anche di “permanent culture“. Nel 1978 Mollison pubblicò il primo libro sull’argomento dal titolo Permaculture One, scritto insieme al suo allievo David Holmgren, spiegando che una cultura non può sopravvivere a lungo senza una base agricola sostenibile e un’etica dell’uso della terra. Prima di loro la rivoluzione era iniziata con Masanobu Fukuoka, il botanico giapponese che aveva sviluppato un metodo di coltivazione naturale nel tentativo di invertire la degenerazione causata dall’agricoltura moderna.

Se non avete ancora capito cos’è la permacultura è normale. Forse vi starete chiedendo: è un sistema di progettazione? Forse è una filosofia di vita? Oppure ognuno dà il significato che ritiene più opportuno in base alla sua esperienza o percorso di formazione?

Alcune definizioni ci aiutano ad avere una prima visione

La prima citazione è tratta dal video del Bosco di Ogigia “Cos’è la permacultura” (2020), che trovate in fondo all’articolo. Credo sia importante ricordare quante conoscenze e buone pratiche conoscevamo nel passato. Recuperare quelle conoscenze legate all’osservazione della natura, è alla base di una ri-progettazione sana.

La permacultura è buonsenso, che i nostri nonni avevano più di noi”
Francesca Della Giovampaola, Bosco di Ogigia

Più articolata e precisa invece questa definizione, che associa la parola a un concetto di ecologia applicata

“È un sistema di progettazione per realizzare e gestire una società sostenibile, è allo stesso tempo un sistema di riferimento etico-filosofico ed un approccio pratico alla vita quotidiana: in essenza, la permacultura è ecologia applicata”. Così si legge nella prefazione italiana dell’Accademia Italiana  al libro Introduzione alla Permacultura di Bill Mollison e Reny Mia Slay, pubblicato da Terra Nuova Edizioni

Durante la plenaria 2020 in Toscana, abbiamo raccolto tante voci e definizioni. Una delle più belle è quella della Presidente dell’Accademia, Elisabetta Della Valle che ci ricorda quali sono i modelli a cui ci ispiriamo, osservando (primo principio: osserva e interagisci)

“È l’arte di progettare sistemi umani sostenibili copiando i modelli della natura”
Elisabetta Della Valle, Presidente Accademia Italiana

letture permacultura

Queste sono le letture imprescindibili per chi è curioso di conoscere qualcosa di Permacultura

La permacultura può essere utilizzata per progettare una grande azienda agricola, ma è perfetta anche per gestire meglio la propria economia domestica e avviare una produzione alimentare nel balcone di casa. Tutte le in iniziative, grandi o piccole che siano, possono contribuire alla salvaguardia del pianeta e a indicare la strada verso un’economia più giusta. Questo sistema di progettazione si basa su tre etiche: cura della terra, cura delle persone e condivisione del surplus (le tre etiche di base). Attenzione: la permacultura non corrisponde all’orto sinergico, che è invece una tecnica colturale.

Unica regola: prenditi la tua responsabilità

La permacultura ha una sola regola: c’è anche una sola regola, che ritengo la più importante di tutte: prenditi la tua responsabilità. Per un cambiamento vero e profondo, c’è la necessità di prendersi ognuno la propria responsabilità, sia nei confronti di noi stessi, degli altri che della Terra che stiamo pian piano consumando e rendendo inabitabile (per noi non per le piante che si riadatteranno senza problemi).

I 12 principi dell Permacultura

I principi dell Permacultura tratti dal libro di David Holmgren “Permacultura”

Il Bosco di Ogigia, 2500 metri di terreno al margine di strada di un paesino di provincia, per me è una zattera di salvataggio nel mare delle assurdità sulle quali si basa la moderna organizzazione sociale. Là posso applicare i principi della permacultura, ma la vera sfida è applicarli in ogni ambito della vita secondo la regola “take your own responsability“, “prenditi la tua responsabilità”.

Dodici principi della permacultura
Video playlist Bosco di Ogigia


Leggi anche
Cinque libri per iniziare con la Permacultura

Una cultura permanente sostenibile per il benessere dell’uomo

Letture consigliate
Introduzione alla Permacultura, di Mollison, Slay
La rivoluzione del filo di paglia, di Masanobu Fukuoka

Come progettare e realizzare modi di vivere sostenibili e integrati con la natura, di David Holmgren
Altri LIBRI consigliati dal Bosco di Ogigia

Newsletter
Per non perderti articoli e video iscriviti alla newsletter del Bosco di Ogigia

Instagram

Ultime notizie

Argomenti