I parassiti dell’orto sono un danno irreparabile oppure ci indicano qualche altro disequilibrio o carenza che possiamo risolvere?
Ogni ortolano o giardiniere desidera vedere le proprie piante sane e rigogliose. Aspetta con trepidazione la fioritura e la produzione di frutti sani e abbondanti.

Queste aspettative, tuttavia, possono rimanere deluse per via di ospiti non invitati, che arrivano a disturbare questa immagine idilliaca. Sorprendentemente i parassiti possono fungere da preziosi indicatori dello stress delle piante nell’orto e potremmo scoprire che la loro presenza fa ancora parte della poesia della natura. In questo articolo esploreremo l’intricata relazione tra stress delle piante e parassiti, per imparare a comprendere e gestire meglio l’orto o il giardino.

Parassiti nelle piante più deboli

I parassiti, come afidi o bruchi di ogni genere, spesso sono visti come intrusi indesiderati nell’orto, in realtà svolgono un ruolo fondamentale come messaggeri della natura. Possono essere pensati come esploratori che identificano le piante vulnerabili o stressate. Quando i parassiti invadono il giardino, non scelgono i loro bersagli a caso. Sono invece attratti dalle piante che mostrano segni di debolezza o stress. Questo perché le piante stressate emettono segnali chimici, che possono includere cambiamenti nel profumo e nella composizione della loro linfa, che agiscono come un segnale per i parassiti.

>Scopri i prodotti Ego Power Plus

Semplificando meccanismi complessi, si può dire che gli insetti sentano il profumo delle piante. Per questo i campi in monocoltura sono sempre più sensibili all’attacco di patogeni e malattie. Un campo misto di ortaggi, fiori ed aromatiche, rende più difficile per l’insetto trovare la pianta che ricerca. Miscugli di forme, colori e profumi creano un labirinto che facilita il lavoro nell’orto.

Ecco un elenco di 10 parassiti che possono colpire orti e piante:

  • Afidi: insetti piccoli e molli che si nutrono dalla linfa delle piante, causando deformazioni fogliari e indebolendo le piante.
  • Bruchi: larve di farfalle e falene che mangiano foglie, fiori e frutti, causando danni alle piante (vedi cavolaia).
  • Cocciniglie: insetti che si attaccano alle piante, succhiano la linfa e possono causare danni significativi.
  • Ragni rossi: acari che si nutrono della linfa delle piante, causando macchie gialle e indebolimento delle foglie.
  • Tripidi: piccoli insetti che perforano le foglie delle piante e si nutrono della linfa, causando segni argentei o macchie.
  • Coleotteri: insetti come scarabei e insetti forfora che mangiano foglie, fiori e radici delle piante.
  • Mosche bianche: insetti che succhiano la linfa delle piante e trasmettono virus dannosi.
  • Nematodi: vermi microscopici che attaccano le radici delle piante, causando ingiallimento, appassimento e indebolimento.
  • Muffe e funghi: microrganismi che causano malattie come la peronospora, la ruggine, la botrite e l’oidio.
  • Lumache e chiocciole: molluschi che si nutrono di foglie e possono essere dannosi soprattutto per le piante giovani.
afidi su una foglia dell'orto

afidi su una foglia dell’orto 

Parassiti come indicatori

Per utilizzare efficacemente i parassiti come indicatori dello stress delle piante, è fondamentale essere in grado di riconoscere i segnali dello stress delle piante. Questi indicatori possono variare a seconda del tipo di impianto, delle condizioni ambientali e degli specifici fattori di stress in gioco. Ecco alcuni segnali comuni di stress delle piante a cui prestare attenzione:

  • Foglie ingiallite: l’ingiallimento o la clorosi delle foglie è un segno comune di stress e può essere causato da carenze nutrizionali, scarso drenaggio del terreno o irrigazione eccessiva.
  • Appassimento o abbassamento: l’avvizzimento è un chiaro segno di stress idrico. Le piante possono appassire quando non ricevono abbastanza umidità o quando le radici sono danneggiate.
  • Crescita stentata: una crescita lenta o stentata può indicare una serie di problemi, tra cui la scarsa qualità del suolo, la mancanza di nutrienti essenziali o il sovraffollamento.
  • Scolorimento o macchie delle foglie: macchie o scolorimento sulle foglie possono essere causati da malattie, parassiti o squilibri nutrizionali.
  • Ridotta produzione di frutta o verdura: meno frutta o verdura prodotta dalle piante può essere dovuta a vari fattori di stress, tra cui un’impollinazione inadeguata, carenze nutrizionali o stress idrico.

Monitorando attentamente le piante per rilevare questi segnali e affrontando tempestivamente i fattori di stress, è possibile creare un ambiente più sano e ridurre l’attrattiva delle piante per i parassiti. Questo approccio proattivo alla gestione dello stress delle piante può aiutare a mantenere un orto rigoglioso a lungo termine.

Azoto in eccesso, vulnerabilità ai parassiti

L’azoto è un nutriente essenziale per le piante, poiché svolge un ruolo cruciale nella loro crescita e sviluppo. Tuttavia, proprio come qualsiasi altro nutriente, un eccesso di azoto può avere conseguenze indesiderate per la salute delle piante. Quando una pianta accumula più azoto di quello che può utilizzare in modo efficiente, diventa un bersaglio primario per le infestazioni di parassiti. Ecco perché:

Fogliame rigoglioso: l’eccesso di azoto porta a una crescita rapida e rigogliosa del fogliame. Anche se questo potrebbe sembrare un risultato positivo, può essere un’arma a doppio taglio. Foglie e steli che crescono troppo rapidamente sono teneri e quindi più attraenti per molti parassiti, come afidi e bruchi. 

Meccanismi di difesa indeboliti: le difese includono la produzione di metaboliti che rendono la pianta meno appetibile o addirittura tossica per i parassiti. Tuttavia, quando una pianta ha un eccesso di azoto, spesso dà priorità alla crescita rapida rispetto ai meccanismi di difesa. 

Rapporti nutrizionali squilibrati: un eccesso di azoto può interrompere l’equilibrio dei nutrienti in una pianta. Questo squilibrio nutrizionale può interferire con la capacità della pianta di assorbire altri nutrienti essenziali, come potassio e magnesio. La salute generale della pianta viene compromessa, rendendola più suscettibile a parassiti e malattie.

Attrazione per i parassiti amanti dell’azoto: alcuni parassiti sono attratti specificamente dalle piante ricche di azoto. Ad esempio, è noto che gli afidi preferiscano le piante con alti livelli di azoto. Addirittura alcune piante rilasciano composti volatili che attirano questi parassiti, segnalando loro che si tratta di un buffet di cibo ricco di azoto.

I prodotti chimici favoriscono i parassiti

Gli insetti si nutrono soprattutto di amminoacidi liberi e zuccheri, queste sostanze sono più disponibili quando il metabolismo della pianta non è in equilibrio. Secondo gli studi sulla trofobiosi, a deteriorare il metabolismo delle piante sono soprattutto i pesticidi, i diserbanti, gli anticrittogamici e i fertilizzanti artificiali. Questi interventi sbagliati creano carenza di microelementi che, a sua volta, riduce la sintesi proteica delle piante, ovvero il passaggio da aminoacidi a proteine. La conseguenza è che le piante producono più aminoacidi liberi e zuccheri solubili che piacciono agli insetti. Di fronte a questa abbondanza di cibo, gli insetti si riproducono più velocemente e vivono più a lungo, moltiplicando i danni alle colture. La reazione degli agricoltori è l’aumento dei trattamenti con pesticidi e il peggioramento progressivo delle condizioni per la crescita delle piante. 

cimici

cimici

Gestione integrata dei parassiti

Comprendere la connessione tra parassiti e stress delle piante è il primo passo verso un’efficace gestione dei parassiti. Invece di fare affidamento sui pesticidi chimici, vanno adottate tecniche di gestione integrata dei parassiti. Meglio concentrarsi sulla prevenzione e mitigazione delle infestazioni parassitarie affrontando le cause alla base dello stress delle piante.

In caso di attacco grave e anche perché occorrono più stagioni per creare un equilibrio nell’orto, esistono metodi vicini alla natura per salvare il raccolto intanto che si crea un ecosistema.

Ecco alcune strategie di difesa non aggressive con i rispettivi approfondimenti

Nell’orto i parassiti non vanno visti solo come avversari da eliminare, vanno considerati invece come messaggeri che indicano che le piante non stanno bene. Prestando molta attenzione alla salute delle piante e soddisfacendo le loro esigenze, si possono ridurre anche le infestazioni da parassiti. Un approccio olistico che non solo protegge orto e giardino, ma che mantiene anche l’equilibrio dell’ecosistema.

Quindi, la prossima volta che noti un parassita nel tuo giardino, ricorda che sta semplicemente cercando di dirti qualcosa sul benessere delle tue preziose piante.

Emile Jacquet

Emile Jacquet porta avanti insieme ad Abdoulaye Kà il progetto Fruiting the desert. Per saperne di più:

Coltivare senz’acqua. L’esperienza dal Senegal (video)

YouTube player

 

Leggi anche
Coltivare nel deserto. Progetto Fruiting the deserts

Vermicompost, come farlo
Cos’è una food forest
Come usare i fondi di caffè nell’orto
Forca vanga, cos’è e come usarla
Cos’è una food forest
Coltivare il suolo. Come prendercene cura
Come fare l’orto
Erbe spontanee, cosa indicano nel suolo

Guide
Riconoscere le erbe spontanee
Come rigenerare il suolo

Ricette
4 ricette per arricchire il suolo

Libri
La Cura della Terra, di F.Della Giovampaola, ed. Mondadori
La grande rigenerazione climatica, di Inigo Alvarez De Toledo, ed. Lef

Iscriviti alla Newsletter e ottieni un dono