Ad aprile il lavoro nell’orto non manca, per questo è importante fare un elenco delle attività più importanti da non ritardare. In questo mese ci sono diverse semine e trapianti da fare. Abbiamo dovuto aspettare il momento giusto e adesso che è arrivato il rischio è di non fare in tempo a far tutto. Meglio quindi preparare un elenco da controllare spesso per non rischiare di lasciare indietro i lavori fondamentali. Con un elenco sotto mano si riesce a dare meglio le priorità. Infatti il tempo per far tutto può non essere sufficiente e allora, prendiamola con filosofia, senza stress e facciamo con il sorriso solo ciò che è possibile.

Diserbare e zappettare le aiuole

Aprile ci costringe a tenere sotto osservazione l’erba, che in questo mese può crescere di diversi centimetri ogni giorno. Da sempre sostengo che sia importante anche lasciarla libera di crescere per diverse ragioni, tra cui la possibilità di portare in tavola molte erbe spontanee commestibili. Detto questo, però, non possiamo fare a meno di contenerne la crescita nelle vicinanze dell’orto e in mezzo alle aiuole coltivate. 

Uno strumento semplice e tradizionale per il contenimento dell’erba è la zappa. Una “zappettata” per sradicare i ciuffi d’erba è consigliata in diversi casi. Per esempio intorno alle  cipolle, che avendo una foglia stretta, che si sviluppa in verticale, lasciano passare molta luce a favore delle erbe spontanee. Se le lasciamo libere di svilupparsi ben presto supereranno in altezza le cipolle limitando la loro crescita. 

>Scopri i prodotti Ego Power Plus

L’utilizzo della Zappa nelle aiuole in cui non abbiamo potuto inserire una abbondante pacciamatura  serve anche a rompere l’eventuale crosta di suolo superficiale che limita l’ingresso dell’ossigeno e quindi danneggia le radici. Oltre alla Zappa, per questo tipo di operazioni, possiamo utilizzare diversi altri attrezzi manuali come il sarchiatore o l’areatore stellare (qui trovi info su questo attrezzo).

coltivazione delle cipolle

coltivazione delle cipolle ad aprile, è importante zappettare i solchi laterali e diserbare

Seminare mais e girasoli

Mais e girasoli sono colture interessanti da inserire anche all’interno di un orto. Siamo abituati a coltivazioni intensive di queste piante, ma nell’orto possono essere facilmente coltivate e svolgono diverse funzioni utili, oltre ad offrirci del cibo. 

Il girasole in piena fioritura è una pianta particolarmente bella, che ha il pregio di offrire nutrimento anche agli insetti impollinatori, quindi aiuta la biodiversità nell’orto. Il mais può essere utilizzato come supporto per i fagioli come accade nella tradizionale milpa, la consociazione tra fagioli, mais e zucche tipica del centro America. 

Entrambe queste piante hanno bisogno di temperature miti per svilupparsi. Finalmente ad aprile possiamo seminarle anche all’aperto. In alternativa e per piccole coltivazioni si può partire da una semina in semenzaio. Nel caso del mais, in particolare, avere la piantina già sviluppata al momento della semina dei fagioli può essere utile. Infatti i fagioli, germinando velocemente, potrebbero prendere vantaggio sul mais e impedendone la crescita per mancanza di sole diretto. 

Io consiglio, se se ne ha la possibilità, di seminare a terra e anche in semenzaio. Se la semina a terra non dovesse andare a buon fine, si potranno trapiantare le piantine venute su in semenzaio. 

semi di girasole

semi di girasole

Seminare piante aromatiche

Anche per molte piante aromatiche abbiamo dovuto aspettare il mese di aprile per poter seminare. Adesso è il momento e dobbiamo approfittarne per avere un orto profumato e  tanti aromi diversi con cui arricchire le nostre ricette. Le erbe aromatiche sono piene di sostanze benefiche per la salute, inoltre rendono più appetibili tanti alimenti e riducono il consumo di sale, il cui eccesso non fa bene alla salute. 

Aromi da seminare ad aprile

  • Achillea
  • Aneto
  • Basilico
  • Coriandolo
  • Dragoncello
  • Erba cipollina
  • Maggiorana
  • Origano
  • Prezzemolo
  • Santoreggia
  • Timo

Alcune di queste piante sono annuali, altre invece perenni, quindi una volta fatte sviluppare  le avremo a disposizione per diversi anni. Per molte di queste è consigliabile partire con una semina protetta in vaso, prevedendo il travaso quando saranno ben sviluppate. Se non si ha il tempo per seguire la crescita di tutte queste piante diverse si possono acquistare in vivaio e trapiantare nell’orto. Le piantine acquistate sono, in molti casi, delicate per via dei metodi di coltivazione, ma con le nostre cure e un buon suolo possono svilupparsi lo stesso molto bene.

Tagliare il sovescio

Se si è provveduto a seminare in autunno un sovescio per nutrire il suolo, questo è il momento di falciarlo. Per saperne di più sul sovescio e sulla sua utilità vi rimando a questo articolo: cos’è il sovescio e a cosa serve

La parola sovescio ci ricorda che le piante che lo compongono dovrebbero essere integrate nei primi centimetri del suolo dopo lo sfalcio. È sempre più diffusa la tecnica alternativa di falciare e lasciare le piante in superficie, si trasformeranno in un’ottima pacciamatura. Il suolo lavorato dalle radici per tutto l’inverno ci permette di trapiantare i nostri ortaggi senza bisogno di ulteriori lavorazioni. Se sentiamo che la terra è un po’ troppo compatta basta un passaggio di grelinette.

taglio del sovescio nell'orto

taglio del sovescio nell’orto

Trapiantare gli ortaggi

Molti degli ortaggi che abbiamo seminato in semenzaio protetto a fine inverno, ad aprile sono pronti per essere trapiantati a terra

Alcuni trapianti da fare ad aprile

  • Bietole
  • Carciofi
  • Cavoli
  • Cetrioli
  • Cicorie
  • Cipolle
  • Fragole
  • Lattughe
  • Meloni
  • Peperoni
  • Pomodori
  • Sedano
  • Spinaci
  • Zucchine

Attenzione alla vostra zona climatica, per alcuni di questi ortaggi potrebbe essere troppo presto meglio aspettare la fine del mese o i primi giorni di maggio. Pomodori, peperoni, melanzane, meloni e altre piante prettamente estive vanno messe a terra solo quando le temperature notturne sono stabilmente superiori ai 13-15 gradi

Fare manutenzione in stagni e punti d’acqua

Vicino all’orto è utile avere un punto d’acqua, uno stagno o una tinozza abbastanza grande in cui far crescere piante acquatiche, ospitare insetti e anfibi e offrire un punto di abbeveramento per gli animali. Questo è il periodo in cui fare pulizia. Molte piante acquatiche infatti si seccano in inverno. Conviene lasciarle al loro posto fino all’inizio della primavera perché ospitano tanti insetti svernanti. Al loro risveglio e quando partono i nuovi germogli si può rimuovere le piante morte, che potremo utilizzare nel compost o per pacciamare.

Raccogliere gli ortaggi giovani 

Ad aprile nell’orto si trovano diversi ortaggi pronti da mangiare, particolarmente buoni quando sono teneri. Perciò le coltivazioni vanno monitorate spesso per raccogliere al momento giusto. Asparagi, carciofi, ravanelli, spinaci, insalate varie, fave e altri raccolti ci aspettano nell’orto. 

Lavori da fare ad aprile nell’orto (video)

YouTube player

 

Leggi anche
Cinque ortaggi da seminare ad aprile
Orto di aprile: semine, sovescio e ultime potature
Come e quando seminare gli spinaci
Cos’è il sovescio e a cosa serve
Giardino ecologico, consigli su come tagliare l’erba

Guide gratuite e ricette
Scarica le ricette per arricchire il suolo
Scarica la guida gratuita su come scegliere gli alberi
Guida gratuita alla rigenerazione del suolo

Video
Orto ad aprile, semine e altri lavori
Cinque lavori nell’orto di aprile

Canale Telegram
Unisciti al canale Telegram

Scopri i nostri corsi
I nostri corsi su agricoltura naturale e benessere