Avevamo già i sette peccati e le sette virtù, i sette pilastri della saggezza e i sette nani, i sette re e i sette colli di Roma, le sette meraviglie del mondo e le sette sorelle. Oggi parliamo dei sette livelli di una food forest. Forse il paragone non regge, ma così non ci scordiamo che sono sette!

Livelli della food forest

Alberi di alto fusto

Le piante che ci sorprendono con la loro maestosità come i castagni, i noci, i ciliegi, i meli e i peri, ma anche pioppi, gelsi e querce)

Alberi di media altezza

Possono crescere parecchio anche loro, ma in modo più contenuto come albicocchi, corbezzoli, noccioli e melograni

>Scopri i prodotti Ego Power Plus

Arbusti

Categoria perfetta per tutti i frutti di bosco come ribes, mirtilli, uva spina e lamponi

Erbe spontanee

Mettiamo qua le insalate, la cicoria, le bietole e tante altre piantine da orto

Bulbose, rizomatose e tuberose

Come patate, topinambur, zenzero, aglio e cipolla

Tappezzanti

Vanno alla conquista del territorio strisciando, le più golose sono le fragole

Rampicanti e lianose

Hanno bisogno di un sostegno verticale per dare il meglio di loro. Qui mettiamo kiwi, viti, zucche, zucchine rampicanti come il chayote, passiflora, luppolo e anche i fagioli

Uva spina

Uva spina

Essenze erbaceee nella food forest

I passaggi tra una categoria e l’altra non sono così netti. Soprattutto tra le essenze arboree si possono fare ulteriori distinzioni, ma bisogna ricordare che, per progettare il nostro giardino commestibile, va tenuto presente lo sviluppo potenziale di ciascun vegetale che accogliamo al suo interno. Dobbiamo dare a ciascuno la giusta collocazione, così che possa svilupparsi al meglio in armonia con tutti gli altri. Nel bosco spontaneo le piante competono per luce, terreno e acqua, qualcuno vince e altri soccombono. Nel nostro progetto artificiale, che imita la natura, tentiamo di ottimizzare subito la distribuzione delle risorse per raggiungere prima l’obiettivo finale: un ecosistema in equilibrio dove cogliere i nostri frutti.

Funghi spontanei del Bosco di Ogigia

Funghi spontanei del Bosco di Ogigia

I funghi

Finisco con un interrogativo: i funghi dove li metto? Credo che serva un ottavo livello. Quindi i livelli sono otto! Come i G8, l’otto per mille e otto il passerotto…
C’è anche un altro elenco a sette voci che riguarda la food forest. Sette parole inglesi che iniziano per F e che riassumono i frutti che se ne possono trarre: Food, Fuel, Fiber, Fodder, Fertiliser, Farmerceutics (Pharmaceutics), Fun. Cibo, carburante, fibra, foraggio, fertilizzante, farmaci e divertimento.

a cura di Francesca Della Giovampaola

CORSO FOOD FOREST con S.Soldati

La food forest del Bosco di Ogigia. Con Stefano Soldati (video)

YouTube player

Leggi anche:
Perché progettare una food forest
Come far crescere una food forest
Atlantis, la food forest di Tenerife

Risorsa, guida gratuita
Come scegliere le piante in food forest

Libri consigliati
L’orto. Giardino di Gaia

Permacultura. Come progettare e realizzare modi di vivere sostenibili e integrati con la natura

Iscriviti alla newsletter e ottieni le ricette per il suolo