Il Parco di Centocelle, al Quadraro, Roma, si estende per 120 ettari, tra la riserva naturale dell’Aniene e il parco regionale dell’Appia Antica, in un’area verde che stupisce per la ricca biodiversità e per il panorama a 360° che accoglie il visitatore. Ad est ci sono i Monti Prenestini, a sud si intravedono i colli dei Castelli Romani e nelle giornate particolarmente nitide è possibile scorgere anche la vetta del Monte Velino. Il parco a sud est di Roma, che si è formato dall’attività delle ultime fasi eruttive del vulcano laziale, regala spazi verdi in stile “prateria” ricchi  di biodiversità, sia vegetale che animale. Gli attivisti del WWF Roma hanno censito le specie animali e vegetali e realizzato una mappa interattiva dove è possibile scoprire gli abitanti che si possono “incontrare” nel parco. Tra gli altri troviamo libellule, falchi pellegrini, diverse varietà di farfalle, allodole e tra le specie vegetali le erbe spontanee tipiche della campagna romana.

La mappa delle BIODIVERSITA del Parco di Centocelle
a cura del WWF Roma e Area Metropolitana

parco di Centocelle, al centro la "Torraccia"

Parco di Centocelle, al centro la “Torraccia”

Foto d'epoca Parco di Centocelle

Foto d’epoca del Parco di Centocelle, “Roma Sparita”

Dal gheppio al falco pellegrino
la biodiversità negli scatti di Menenti

“Il valore del Parco di Centocelle dal punto di vista naturalistico è indubbio: è un area verde molto grande e per questo attira sia specie di passo che svernanti, ma anche nidificanti” spiega Franco Menenti, attivista WWF e fotografo specializzato nell’osservazione della natura. “Qui sono state censite oltre 40 specie di uccelli – continua Menenti – Tra queste c’è anche il gheppio (un piccolo falco), l’unico rapace che in volo effettua la manovra dello ‘spirito santo’. È davvero emozionante: l’animale si eleva in quota e poi, per alcuni secondi, è possibile osservarlo immobile, con le ali aperte, infine si tuffa 10 metri più in basso verso la preda ripetendo l’operazione più volte”. Tra il verde del parco è possibile incontrare anche il falco pellegrino, un altro rapace, tra le specie più veloci al mondo. Il falco pellegrino, come il gheppio, si getta letteralmente sulla sua preda, raggiungendo velocità in picchiata che arrivano a toccare i 300 km/h. La maggior parte delle volte le prede del falco pellegrino muoiono per le conseguenze dell’impatto.

Gheppio al Parco di Centocelle

Gheppio al Parco di Centocelle. Foto Franco Menenti

“Quando piove qui al parco – racconta Franco Menenti – si formano ristagni d’acqua utili, oltre che per gli uccelli, anche per gli insetti. Ricordo che qualche tempo fa c’era una fontanella che perdeva e si era formata una piccola pozza, quell’acqua permise la riproduzione di un nutrito numero di libellule“. Franco, oltre a conoscere a memoria il parco, ama immortalare gli animali che lo popolano. È suo questo scatto che raffigura, in tutti i suoi variopinti dettagli, una libellula posata su uno stelo d’erba. “Recentemente – conclude Menenti – sono state avvistate anche due volpi. Molti, molti anni fa questa zona era territorio di caccia”.

Libellula

Libellula, foto Franco Menenti

Bruco al Parco di Centocelle

Bruco al Parco di Centocelle, foto Franco Menenti

Al Parco di Centocelle la tipica campagna romana

Il Parco di Centocelle conserva molte varietà vegetali che ben rappresentano la ricchezza della tipica “campagna romana”. Oltre ad alberi come lecci, pini, cipressi, melograni, corbezzoli, querce e pioppi, nell’area si può trovare un’ampia varietà di erbe spontanee:  malva, trifoglio, cardo, buglossa ibrida e naturalmente la cicoria, ingrediente tradizionale della cucina romana.
lo storico aeroporto di Centocelle

La storica pista di Centocelle dove volarono i fratelli Wright nel 1909

Le specie aliene del parco

Anche il Parco di Centocelle, come molte altre aree verdi di Roma ospita delle specie alloctone (non originaria della campagna romana) e che possono alterare gli equilibri di un ecosistema. Tra queste c’è l’ormai diffusissimo, anche in città, Parrocchetto Monaco (Myiopsitta monachus), agile e affusolato pappagallo dalla colorazione verde originario del Sud America che ha creato diverse colonie anche in Italia. A pochi metri dall’ingresso su via Casilina, dei residenti hanno invece piantato su di una collinetta alcune specie vegetali “aliene” come il fico d’india (opunzia), jucca e agape. “Queste sono specie, in alcuni casi invasive, che non appartengono alla flora mediterranea” spiega Giovanni Mattias, biologo WWF, “è chiaro che la sostituzione delle graminacee o di altre specie del posto che producono semi appetiti dagli uccelli nostrani, può creare dei danni alla biodiversità del parco”.

Parrocchetto monaco

Parrocchetto monaco, foto Franco Menenti

Tra storia e archeologia e quel volo dei fratelli Wright

L’area del Parco di Centocelle, frequentata fin dal VI secolo a.C., sorge su importanti resti archeologici. Di recente sono state riscoperte tre ville d’epoca romana, una di queste compresa in una grande proprietà imperiale, riconosciuta come quella dei Secondi Flavi e dell’imperatrice Elena (350 d.C). Questa proprietà romana, per le sue grandi dimensioni, venne chiamata Centum Cellae, da cui prese il nome l’intera zona.

All’inizio del XX secolo l’area fu utilizzata come primo aeroporto italiano, entrato ufficialmente in funzione il 15 aprile 1909 e intitolato all’asso dell’aviazione italiana Francesco Baracca (il pilota della I Guerra Mondiale aveva come stemma il cavallino, da cui deriva il logo Ferrari). La pista di Centocelle, che oggi è usata dagli amanti del volo radiocomandato, fu inaugurata da Wilbur Wright, ingegnere e pioniere dell’aeronautica statunitense insieme al fratello Orville. L’americano venne a dare una serie di dimostrazioni del suo prototipo, il Flyer. A testimonianza del volo sulla pista di Centocelle c’è anche un video. In queste brevi, ma eccezionali riprese aeree, le prime della storia registrate a bordo di un velivolo, è possibile riconoscere l’acquedotto Alessandrino. Chissà come la presero i gheppi e i falchi pellegrini dell’epoca.

(Filippo Bellantoni)

Leggi anche
Un bosco sul lungotevere
Gli alieni che sono tra noi

Newsletter
Per non perderti articoli e video del Bosco di Ogigia