Una volta che l’avrete accolta nel vostro terreno, non vi abbandonerà più. E’ una pianta bellissima, piena di proprietà benefiche, profumatissima, amata dalle api, forte. Cosa chiedere di più alla Melissa, detta anche erba limoncina per il suo inconfondibile odore? Ho collocato qualche piantina di Melissa officinalis sulle sponde dei bancali dell’orto sinergico e in pochi mesi mi sono garantita una fornitura abbondante e sempre fresca di questa erbacea, utilizzata come medicinale più di 2000 anni fa dai Greci, che la chiamavano “balsamo del cuore” o “elisir di lunga vita”. Cura l’ansia, il nervosismo, la depressione e l’insonnia e si può aggiungere all’insalata o utilizzarla in minestre e frittate.

Può diventare un po’ invadente, ma basta tagliare le foglie in eccesso ed essiccarle. Le utilizzo spesso nelle mie tisane, quando non ho a disposizione quelle fresche. Una volta essiccata la Melissa perde molto del suo verde brillante, ma in acqua calda recupera l’inconfondibile aroma. Mi piace perché mi aiuta  a mantenere stabili i cumuli dell’orto sinergico e a controllare il proliferare delle erbe spontanee. Vicino le ho messo anche della Menta, che è molto più difficile da contenere perché cammina molto più velocemente facendo spuntare nuove piantine a vari centimetri di distanza dalla madre.